lunedì 14 ottobre 2013

La Strada Coperta della Ghirlanda

Strada Coperta della Ghirlanda, foto di Paola Borro

Non c’è luogo a Milano che richiami le atmosfere perdute di un antico castello come la Strada Coperta della Ghirlanda. Vi troverete a percorrere un ambiente sotterraneo e nascosto, antico di quasi sei secoli, inoltrandovi in uno dei luoghi più affascinanti del Castello Sforzesco.
La chiamano strada segreta, strada coperta, strada nascosta: non è un caso. Eppure gli indizi della sua presenza sono lì, sotto ai vostri occhi. Io per anni ci sono passata a fianco senza riuscire a vederli. Immaginate di attraversare il Castello Sforzesco(1) e affacciarvi all’uscita che dà sul parco; ecco, ora vi trovate sul ponte che scavalca il fossato asciutto, il Parco Sempione si apre davanti a voi.
Esterno della Strada Coperta
foto di Paola Borro
Arrestatevi un istante, affacciatevi al ponte. Da un lato si ergono le mura del castello, abituate ad attrarre gli occhi dei visitatori; eppure anche sul lato opposto c’è qualcosa che merita un istante di attenzione. Una successione di piccole finestre sbarrate da grate, che si affacciano con discrezione sulla parete del fossato. Ce ne sono più di cento, circondano il castello su tre lati, ed è da queste che il nostro percorso sotterraneo prende luce. Se farete ancora qualche passo in avanti, superando il ponte, vi troverete esattamente sopra alla strada coperta. Sotto ai vostri piedi il terreno è attraversato da stanze e corridoi; alcuni stretti, altri sufficientemente larghi perché le guardie potessero percorrerli a cavallo. Sotto i vostri piedi si dirama un mondo nascosto.


La linea più scura indica la Ghirlanda che
 circondava il castello e le mura cittadine
Attardatevi ancora pochi minuti in superficie. Guardando verso il parco, alla vostra sinistra, potete scorgere i ruderi di una piccola fortificazione, sono i resti della Porta del Soccorso che un tempo si apriva nella scomparsa Ghirlanda. Quando venne costruito, nel 1454, il Castello si trovava a interrompere le mura cittadine come la più sicura delle porte. Metà dell’edificio era dentro la città, ma per metà era esterno; occorreva quindi un’ulteriore protezione, una fortificazione che circondasse la parte esposta e si ricongiungesse alle difese cittadine. Questa era la Ghirlanda, una corona di mura che cingeva Corte Ducale e Rocchetta, rendendole i luoghi più sicuri del Castello. Oggi della Ghirlanda sopravvive ben poco(2), eppure una sua parte ha attraversato intatta i secoli: la strada sotterranea.
Strada Coperta, particolare
foto di Paola Borro
Voi potete percorrerla, addentrarvi in questi ambienti scarsamente illuminati e ricchi di fascino, ma non da soli: le visite sono guidate e vanno prenotate. Lascerò quindi a guide più esperte di me il compito condurvi lungo i percorsi della Strada Coperta. Scoprirete perché il Rovellino nasconda un labirinto di corridoi e strade cieche; scenderete nel sottosuolo, percorrendo questa antica strada e le sue diramazioni; imparerete cosa fosse l’ingegneria militare nel Cinquecento; e vi narreranno di passaggi segreti, reali e leggendari, che dal Castello si snodano verso la città. Dei percorsi al Castello Sforzesco questo è senza dubbio il mio preferito. Dopo averlo scoperto potreste ritrovarvi di nuovo a camminare lungo l'argine del fossato asciutto;  allora potrete sorridere, consapevoli dei segreti che si celano sotto di voi.


Curiosità e leggende: un fantasma nei sotterranei.
foto di Paola Borro
Il Castello è ricco di leggende sui fantasmi: alcuni lo abitano, altri si aggirano nel parco. Anche i sotterranei hanno la loro storia di spettri. Si racconta di un’ombra scura, dai contorni umani, che compare inspiegabilmente nelle foto della Strada Coperta scattate da alcuni turisti.
Durante la visita, in un momento in cui ero rimasta un po’ indietro, io ho visto davvero un’ombra che scompariva rapida nel corridoio deserto. Però non si trattava di un fantasma: uno dei gatti del castello era stato disturbato dal passaggio del nostro gruppo.


Dove e quando
Trovate tutte le informazioni sulle visite e la prenotazione sul sito del Castello a questa pagina.
Il costo del tour pomeridiano è di 10€; quello serale (organizzato solo d’estate) di 15€(3).

Note
(1) Ci sarà occasione di dedicare più tempo al Castello Sforzesco, ma non è questo il post giusto per farlo.
(2) Abbiamo già accennato alla Porta del Soccorso; più avanti da quel lato c’era la Torre della Vittoria; mentre dalla parte opposta, guardando il parco sulla destra, troverete quanto rimane della Torre dalla Colubrina. A queste si aggiungono i Rivellini che collegavano la Ghirlanda alle mura della città.
(3) Le informazioni sui costi si intendono aggiornate alla data di pubblicazione del post.


Fonti
Sulla Strada Coperta della Ghirlanda:
“Storia di Milano”; Franco Fava; Libreria Meravigli Editore 1981;
“Milano sotterranea e misteriosa”; Ippolito Edmondo Ferrario, Gianluca Padovan; Mursia 2008;
sito del Castello Sforzesco.
.Sul fantasma dei sotterranei:
La storia ce l’ha raccontate la guida che conduceva il tour; in seguito anche uno dei guardiano ha confermato l’esistenza della leggenda.

Copyright
I contenuti di questo post sono sotto licenza CC BY-NC-ND
(Creative Commons: Obbligo di attribuzione – Vietato l’uso commerciale – Niente opere derivate)

13 commenti:

  1. Molto interessante Zaira. Una delle prossime visite che farò.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!
      Io la consiglio caldamente, mi è piaciuta anche più della visita alle merlate (sul link del "dove e quando" comunque le trovi entrambe :-) )

      Elimina
  2. Ma che bello Lara! Questa storia non la conoscevo così a fondo nemmeno io!
    Ma devo chiamarti Zaira?
    Baci Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qui non mi dimentico: auguri!

      Elimina
    2. Grazie Leo!!! Anche per gli auguri!
      Figurati che temevo di avere detto troppo poco!
      P.S.
      che razza di domande: chiamami Lara! :-)

      Elimina
  3. Molto interessante!!!

    Sarà poco "serio" ma io un fantasma lo avevo fotografato! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "fotografato" non è il termine che avrei scelto ;-)
      Comunque la foto del gatto ha vinto su qualsiasi altra, è molto più evocativa!

      Elimina
  4. Imperdibile.
    Ah, quella storia è qui, da qualche parte. :)

    RispondiElimina
  5. Come "quella storia è qui"?
    La storia che penso io? Sei terribilmente criptico!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è solo che non hai ben chiaro cosa sia un off topic. Comunque devo ancora scriverla, e non è detto, ammesso che la finisca, che la ritenga leggibile da altre persone. Ci tenevo solo a dirti che, alla fine, ho colto un tuo suggerimento. :)

      Elimina
  6. Molto interessante! Sembra un posto davvero curioso.

    RispondiElimina